24 ore a Jerico

Gioia&colori

le 29/05/2020

Tutti a casa, episodio 2.
Dove trovare influenze indiane, spagnole e africane nello stesso luogo, il tutto gioiosamente mescolato
per creare una tavolozza di esperienze e sorprese…..

Cominciamo la giornata con un po’ di letteratura latino – americana, ricca,
dinamica e degnamente rappresentata dal premio Nobel Gabriel Garcia Marquez (Cui sopra le sue due opere più conosciute)Gran parte delle opere dell’autore colombiano portano all’evasione e ci trasportano, con la mente, verso questi luoghi meravigliosi.
Mai senza il mio caffè ! Uno dei migliori al mondo. Sicuramente già lo sapete, il caffè in Colombia è leggenda : nero, tinto, o con aggiunta di latte. Sempre pronto e fumante in casa a tutte le ore del giorno e a disposizione ad ogni angolo di strada nel suo bicchierino da passeggio.

“Cosa si mangia? “

I “tamales” : involtini ispirati alla cucina locale preispanica. Tradizionalmente preparati con un impasto a base di mais ripieno di carne e verdura, patate, carote, erbette, buonissime salate ma anche dolci con ripieno di frutta. Il tutto viene poi avvolto in foglie di banano o mais. Il gusto “affumicato” che le contraddistingue è dato dalla cottura al vapore. Divertitevi a trovare il ripieno che fa per voi, provando varie combinazioni. Qui è la prima colazione di alcuni e la “seconda” di altri, perché la sveglia al mattino in Colombia a volte è una vera sfida……
Mattinata dedicata al relax, rilassatevi come se foste un’opera di Fernando Botero.
A tutti gli effetti Fernando Botero ha rappresentato la società Colombiana in ognuna delle sue opere attraverso una critica sociale – specchio della situazione del paese nel momento in cui le sue pitture o sculture venivano create. Attenzione, il Maestro non ama il termine “grosso”, il Maestro preferisce “voluminoso”. Il volume è, secondo lui, l’esaltazione della vita e della sensualità.
Il momento di sgranchirsi le gambe è arrivato, perché non farlo al ritmo indiavolato della salsa del più francofono dei colombiani, Yuri Buenaventura. Salsa, ma anche Merengue, note prese in prestito agli europei, agli aborigeni e agli africani, il Reggaetón con i suoi artisti conosciuti a livello mondiale, il tango ovviamente e ancora la musica andina, tutti stili così’ diversi tra loro ma accomunati da una passione sanguigna tipica della musica del Sud America. Poi c’è la “Cumbia”, patrimonio culturale immateriale della Colombia e ritmo incessante delle notti folli del paese.
é importante sapere che, la Colombia – vicina all’equatore – non ha stagione. Il sole, è allo zenit al mezzogiorno degli equinozi ed il giorno e la notte hanno tutto l’anno durata quasi identica. Grazie al suo clima, in Colombia il pranzo è composto da una grande varietà di frutta e verdura, generosamente prodotti dalla natura tutto l’anno. Una curiosità, la banana è considerata un legume! Aguzzate l’udito e al richiamo del venditore di frutta « aguacateeee maduro, mango, aguacaaaate » uscite dall’albergo e comprate questi meravigliosi frutti per pochi soldi.

Il fait trop chaud pour sortir de toute façon, restez au frais et 

Troppo caldo per uscire, quindi restate al “fresco” e immergetevi in Jerico ! “Jericó, El Infinito Vuelo de los Dias” – un film di Catalina Mesa uscito nelle sale nel giugno 2018, miglior documentario e Premio del pubblico Cinelatino. Catalina Mesa ci trasporta fino a Jerico, un piccolo villaggio colombiano situato a nord est del paese. La regista ci mostra moltissime sfaccettature dell’essere femminile, dodici vite allegre e tristi allo stesso momento. Un omaggio familiare, prima di tutto, una prozia che resta al villaggio mentre il resto della famiglia migra verso la città e un omaggio ad una generazione ricca di vita e di storia. Tutte le donne riprese sono accoglienti e pronte a raccontarsi in modo intimo e divertente. Una volta che si sentono lontane da sguardi indiscreti e protette dalle mura delle loro case si lasciano andare ai ricordi raccontando aneddoti, a volte anche piccanti, della loro vita. Il conflitto militare che ha scosso la Colombia per moltissimi anni è ovviamente arrivato anche nei villaggi come Jerico, quindi molte di loro sono donne segnate. Mariti e figli sono stati portati via ed uccisi e loro hanno dovuto continuare da sole. In contrasto con il contesto tragico le porte colorate del villaggio sono rimaste aperte lo humor è quasi sempre presente nelle interviste, come lo sono il romanticismo, la musica, la poesia, i colori ed il sole. L’enunciazione e la conservazione della memoria collettiva sono i punti forti del film, ma la bellezza, la vivacità e la naturalezza dei personaggi rendono questa pellicola davvero unica e romantica..
Stasera si cucina “Sancocho”, una zuppa tradizionale colombiana.
Di solito cucinata con il pollo, noi preferiamo suggerirvi la variante con il pesce.
Siamo felici di condividere con voi la ricetta dello Chef Dominique Oudin
dell’ hotel Santa Clara a Cartagena.
CLICCA QUI PER SCOPRIRE LA RICETTA

Vous aimerez aussi…

Una dimora fluttuante

Una dimora fluttuante

Cari Viaggiatori, si avete capito bene Viaggiatori ! Perché siete in tanti ad aver conservato la...

Finestra sul Natale

Finestra sul Natale

Da New-York a Sydney passando per Rio, Londra, Vienna, fino ad arrivare in Scandinavia i nostri...

Share This